STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Sesso in alta quotaL'ANTIPATICA DI MIA COGNATAla donna di servizio 2La ragazza del mio amico.bel culoover 50 da adorare e non disprezzareLa mia ragazza vogliosa senza confineil mio strano matrimonio
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Cena con zia
Ciao mi chiamo sergio e voglio raccontarvi di come ho scopato mia zia. Lei ha circa 60 anni ben portati un fisico minuto ma proporzionato però non è certo una di quelle donne che si fanno notare e infatti io non avevo mai fatto strani pensieri su di lei.
Una sera mi invita a casa sua a mangiare , io accetto arrivo verso le sette e lei mi apre sorridente e mi dà il solito bacio sulla guancia e quindi ci avviamo verso la sala da pranzo. Cominciammo così a mangiare,lei mi chiedeva se ogni cosa era di mio gusto e io ogni volta rispondevo di sì anche perché era vero essendo lei brava in cucina anche il vino non era male ,mentre portava in tavola la verdura schiacciò senza volerlo il tasto di accensione del televisore proprio nel momento in cui non so su che canale c’erano due che si baciavano e poi lui cominciò a ciucciare le tette alla tipa quindi partì la pubblicità e quando il film ricominciò avevano cambiato scena . Cosi cominciammo a parlare di sesso all’inizio in maniera tranquilla e poi forse anche x colpa del vino sempre più pesantemente parlavamo delle nostre esperienze e dei nostri desideri più nascosti,tutto questo mi eccitava sempre più e il mio cazzo era diventato durissimo e quella ormai non la vedevo più come mia zia ma come una da scopare. Mi alzai in piedi e le dissi “ti ringrazio x la cena , il dolce l’ho portato io va infornato ma prima lo devi ammorbidirlo un po’ bagnandolo” dicendo questo mi abbassai i pantaloni e le mutande liberando finalmente il mio uccello che era sul punto di esplodere lei lo guardò e si coprì la faccia dicendomi “ma cosa fai sei impazzito” ma io mi ero accorto che spiava fra le dita il mio arnese allora mi avvicinai e lei togliendo le mani dal viso mi disse “ ma è il più grosso uccello che abbia mai visto dal vero” , modestamente posso andare fiero dei miei 22 cm , cominciò a toccarlo prima con timore quasi avesse paura di romperlo e poi ci
Prese gusto e cominciò a menarmelo chi l avrebbe detto era una vera artista della sega accellerava e rallentava quando stavo x venire a un certo punto le dissi che si era ammorbidito abbastanza ed era ora di infornarlo cosi dicendo lo avvicinai alle sue labbra lei all
‘ inizio fece resistenza ma poi spalancò la bocca e io glielo infilai dentro prima solo la cappella poi sempre di più fino quasi a soffocarla ma lei non si tirava indietro continuando a leccarmelo quando mi accorsi che stavo x venire lo tolsi dalla sua bocca e cominciai a menarmelo fino a quando le sborrai in faccia subito dopo crollai sul divano sfinito e anche lei fece altrettanto . Mentre ci stavamo riprendendo suonò il telefono lei rispose era la sua amica Anna che telefonava perché dovevano mettersi d’accordo x non so che cosa io la guardai aveva ancora tutta la mia sborra che le colava sul viso e ogni volta che apriva la bocca x parlare qualche goccia ci finiva dentro quella visione mi fece rizzare di nuova l’uccello cosi mi inginocchiai le levai pantaloni e mutandine e comiciai a leccarle la figa che era già completamente bagnata nel frattempo lei continuava a parlare con la sua amica e cercavo di cacciarmi via e allora io decisi di prendere la situazione in mano mi alzai le strappai il telefono di mano misi il vivavoce la misi a pecora e comincai a scoparla mentre quell’altra continuava a parlare,mia zia faceva sempre più fatica a risponderle perché era sempre più presa dalla scopata a un certo punto la sua amica le chiese cosa stava succedendo e lei urlò “stò scopando con mio nipote e stò godendo come una vacca” sentendo questo Anna attaccò il telefono allra mia zia mi disse “sei proprio un bastardo guarda che figure di merda che mi fai fare” io allora mi fermai di colpo tolsi l uccello e le dissi “vuoi che smetta?” lei rispose “non ci provare nanche sbattimelo dentro e scopami come quella troia che sono” non me lo feci ripetere due volte e ricominciai a pomparla lei ormai aveva perso ogni inibizione e mi chiedeva di spaccarla in due che era la più grande puttana della storia perché stava scopando con suo nipote ma non gliene fregava un cazzo perché stava godendo come mai in vita sua poi al culmine mi disse “ti amo non posso vivere senza di te sarò la tua schiava farò tutto quello che vuoi basta che continui a farmi godere così x sempre” non potevo credere che quella che pronunciava quelle parole fosse mia zia che fino a poche ore prima consideravo una delle donne più pudiche che avessi conosciuto però m eccitava sempre di più e continuai a scoparmela x 2 ore mettendoglielo anche in culo lei urlava di piacere e sono sicuro che i vicini hanno sentito rimanendo anche loro stupiti da che razza di troia si era rivelata mia zia,le venni tutto dentro e lei mi ringraziò con un altro pompino che mi svuotò completamente i coglioni e poi mi disse “quando hai voglia passa di qua a portare il dolce amore mio ti amo”. Ragazzi che scopata e che vacca che è mia zia non me lo sarei mai aspettato e neanche la sorpresa che mi fece alcuni giorni dopo ma questa storia ve la raccontero’ un’altra volta.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 51): 6.31 Commenti (2)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10