STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
La festa della 18enneSauna di sessoLe solite domande di LauraMeravigliosamente "Stuprata"desiderio perverso...L'imbianchino a casaLa testimone di nozze di mia moglieeccitamento
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Il vecchietto sulla panchina
Scritta da: and55fi (32)

Anche questa volta invece di mio marito sarò io a raccontare quello che mi è successo poco tempo fa. Dunque una mattina di fine Agosto, quando sola in casa giravo in mutandine, ho 50anni grandi tette bel culo, insomma sono una bella fica, matura e ancora eccitante. Ho l'abitudine di fermarmi davanti alla finestra che da su un giardino pubblico abito al 2 piano. Sperando che qualcuno mi veda e si ecciti, specialmente ragazzi giovani ma quella mattina su una panchina c'era un vecchietto che leggeva un giornale, ma ogni tanto si guardava intorno, erano circa le 13 ed il giardino era vuoto. Lui ad un certo punto alza gli occhi e nonostante l'età mi vede, io da grande porca, mi eccito e gli sorrido. Lui meravigliato mi osserva e capendo che lo vedo mi fa un cenno di saluto con la testa, io rispondo e si tocca davanti, cazzo dico è possibile che a quell'età abbia ancora stimoli. Dunque il vecchietto circa 80 anni si sta eccitando vedendo le mie tettone appoggiate al vetro della finestra, e si alza dalla panchina , io gli ho fatto un cenno con la testa di ammiccamento, mi sento fradicia, ma che cazzo sto facendo penso, potrebbe essere mio padre, ma chi se ne frega, lui esce dal giardino, io mi sposto alla finestra sul davanti, vedo che va sulla strada viene verso il portone del palazzo, lo guardo e gli indico il 2 piano, sono eccitata al massimo non capisco più niente, gli apro il portone e sento che entra, vado alla porta e l'apro, stando attenta che l'inquilini di fronte non se ne accorgano, ma credo che non ci sia nessuno. L'ascensore sale al piano si apre la porta ed il vecchietto esce, io dietro alla porta l'apro di più così lui entra in casa ed io la richiudo dietro di lui. Così me lo ritrovo di fronte, io in mutande con le tette di fuori, ora lo vedo bene, avrà 70-80anni magro ma con pancetta, lui strabuzza gli occhi e senza dire una parola mi abbranca con le braccia eccitatissimo, nell'avere davanti una ficona come me nuda a sua disposizione, mi schiaccia contro la parete dell'ingresso e mi ciuccia le tette, mi tocca da tutte le parti, io immobile lo lascio fare, mi bagno sempre di più, lui sempre zitto mi prende la mano e mi porta nell'altra stanza dove c'è un divano ma non contento mi fa capire che vuole la camera e lì lo porto, appena entrati mi sbatte sul letto, io immobile lo guardo si spoglia e rimane nudo come un verme, fa un pò schifo, magro, pelle flaccida, pancetta e cazzo pendulo, ma lungo anche se moscio, mi sale sopra e mi ritrovo il suo culo sulle tette e il cazzo sulla faccia, quasi ci ripenso, il suo cazzo sa di piscia, lui mi prende la testa e tirandomi i capelli mi obbliga ad aprire la bocca, io l'apro e lui ne approfitta e m'infila il cazzo moscio in bocca, è maleodorante, mi fa schifo, ma la fica si bagna, mi eccito e ciuccio, con mia meraviglia gli si rizza non molto ma diventa mezzo ritto e io pompino alla grande, poi lui si alza da me, mi toglie le mutandine, mi allarga le cosce, e si butta a pesce con la sua faccia sulla mia fica, nonostante l'età si muove disinvolto senza esitazioni, io non reagisco e lo lascio fare, voglio essere alla sua mercè troia e basta, lui mi lecca con la lingua la fica bella larga, mi fa venire alla grande e colo, con le mani mi pastrugna le tettone, le strizza, le sbatte e mi strizza i capezzoli anche facendomi male, poi ormai pronto, mi viene sopra e mi penetra nella fica, entra facile è un lago la mia ficona, obbligandomi a baciarlo in bocca con la lingua, mi fa ribrezzo ma eccitazione, dopo poco guardandomi negli occhi e con il cazzo tutto dentro fino alle palle vizze, mi dà 2 scosse e viene sbavandomi in viso data l'eccitazione, che schifo....ma vengo un'altra volta, poi mi crolla addosso sfinito, sento la sua pelle vecchia e rugosa sul mio corpo, la sua pancetta mi schiaccia, sudato e maleodorante poi lo sposto sfilandomi il cazzo dalla fica, mi alzo tutta sudata e con la fica che fa uscire quelle poche gocce di sperma che mi ha rifilato dentro, un liquido giallastro che scende sulle gambe, prendo un fazzoletto e mi asciugo, poi vado in bagno lasciandolo sul letto nudo. Faccio pipì ed è a quel punto che me lo ritrovo davanti nudo con il cazzo gocciolante, mi sorride e finalmente parla, si chiama Pietro, ha 75 anni, è vedovo e vive con una badante, io seduta sul water lo ascolto, mio ringrazia per averlo fatto godere, e mi dice che delle volte lo accontenta la badante una peruviana di 50 anni, senza che i suoi parenti lo sappiano, la paga extra e lei ci sta facendogli seghe e pompini, ma non scopare e con me mi dice è stato meraviglioso, erano più di 15 anni che non lo faceva, l'ultima volta era stato con sua moglie. Poi si avvicina dicendomi che ha voglia di pisciare, io faccio per alzarmi, ma lui prendendosi il cazzo moscio me lo punta addosso e piscia colpendomi in viso e sulle tette, cerco di scansarmi, ma ormai addosso a me non posso farlo e la sua piscia mista a residui di sbroda me la ritrovo anche in bocca, che schifo, ma eccitante, poi se lo sgocciola fregandosene di sporcare me ed in terra e me lo rinfila in bocca facendoselo pulire, io ormai nelle sue mani lo pulisco, sa di piscia, sbroda, ma lo faccio e ormai puttana nelle sue mani gli prendo anche le palle in bocca, prima una poi l'altra e lui geme ancora dal piacere, mentre il suo cazzo moscio mi sbatte sulla faccia. Poi si stacca da me, mi fa alzare, mi bacia ancora in bocca, slinguandomi e strizzando le tettone, dopo prende un asciugamano si pulisce ed esce dal bagno, io resto lì impalata sporca e sudata. Poi lo seguo, lui va in camera si riveste, io lo guardo nuda, poi ringraziandomi ancora va verso la porta e mi dice che quando voglio e se lui se la sente data l'età lo posso trovare qualche volta alla settimana nel giardino. Dopo esce chiudendosi la porta alle spalle. Io mi siedo spossata, poi vado in bagno mi faccio una doccia e mi lavo cercando di togliermi da dosso il suo odore, insaponandomi a più non posso. Fortunatamente mio marito oggi non tornava a pranzo, ma è probabile che stasera gli racconti tutto o domani perchè so che lui ci gode, così mi scoperà pensandomi presa dal vecchio maiale.
A proposito visto che dopo questa esperienza mi sono accorta che oltre ai giovani anche i vecchi porcelloni mi interessano se qualcuno vuole scrivermi questo è il mio e-mail personale: bilancia54fi@virgilio.it

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 15): 4.47 Commenti (5)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10