STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
preliminari bellissimiIn ufficio!!!INASPETTATAMENTE MIA COGNATASUOCERA--notti intrigantiDisperazione e Amore Vampire Storyho scopato mia ziaI cinque angeli.Io e lui sul camion!
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

sculacciato
Quando uscii dal bagno Federica era seduta sulla poltrona del tinello, sigaretta in bocca, gambe accavallate e ancora le scarpe col tacco a spillo che aveva indossato in casa tutto il giorno. Mi fece cenno con la mano.
"Vieni qui, amore", disse mentre allontanava la sigaretta dalle labbra e soffiava via il fumo, che in parte mi raggiunse mentre mi avvicinavo.
"Devo dirti un paio di cosette" aggiunse in tono severo. Io mi avvicinai con un po' di cautela perché ormai la temevo, e poi mi misi in ginocchio di fronte a lei, a mezzo metro dalle sue gambe.
"Ti sei comportato molto male oggi, lo sai?"
"Ma io…"
"Zitto e non interrompere, sei anche maleducato. Dicevo che ne hai combinate veramente tante, dal quaderno dei compiti in bianco al rifiuto di mangiare le carote, perciò…"
Cercai nuovamente di interromperla, ma lei mi zittì con ancora maggiore fermezza.
"Vuoi stare zitto o devo darti una sberla?"
Ammutolii, e lei, allora, riprese: "Faremo i conti prima di andare a letto. E questa volta userò il battipanni, sei avvertito."
Non ribadii nulla, ma l'idea del battipanni mi suscitò un brivido ed una nuova erezione.
"Per punizione niente televisione stasera; starai in camera tutto il tempo in attesa che io arrivi. E ora fila di là!"
Aggiunse indicandomi la camera da letto: "E non azzardarti ad uscire se non vuoi che ti scaldi il sedere prima del tempo."
Ciò detto se ne andò in bagno e non ne uscì per quasi un'ora. Nel frattempo io mi ero sdraiato sul letto a leggere fumetti, ma non riuscivo a concentrarmi neanche su una lettura così disimpegnata: spesso infatti pensavo al battipanni con eccitazione mista a timore, e dovevo alzarmi e camminare per sfogare il nervosismo…a volte mi toccavo, poi tornavo sul fumetto e cercavo di calmarmi.
Verso le nove e mezza Federica uscì dal bagno, andò a sedersi sul divano e accese la televisione. Si era cambiata, e ora indossava una camicetta azzurra piuttosto scollata e una gonnetta nera che le arrivava poco sopra il ginocchio. Portava sempre le calze scure e ai piedi aveva ora un bellissimo paio di zoccoli blu che attirarono subito la mia attenzione.
Poiché la camera da letto comunicava col salotto e la porta era soltanto socchiusa, vedevo benissimo tutto quello che faceva e mi divertii ad osservarla. Si accese un'altra sigaretta mentre abbassava un po' il volume della tele e lasciò scivolare leggermente fuori i piedi dagli zoccoli. La guardavo con ammirazione mista ad un certo timore, ma le mie manovre di osservatore indisturbato non durarono a lungo, perché Federica si accorse del mio sguardo e di colpo appoggiò la sigaretta, si alzò, fece rumore sul pavimento con gli zoccoli e spalancò la porta semichiusa guardandomi negli occhi: "Hai poco da guardare, sai? Cosa stai facendo? Fumetti, naturalmente, invece dei libri di Inglese che dovresti studiare. Adesso vengo lì e te le suono! "
E fece con la mano destra il tipico gesto materno che minaccia botte. Rimasi un attimo incerto se lo avesse fatto davvero oppure no, ma Federica tornò a sedersi dopo aver fatto nuovamente risuonare gli zoccoli, riprese la sigaretta e riaccavallò le gambe, mostrando interesse per il programma che stavano dando alla televisione. Mi sembrò che il suo lasciare la porta aperta (avrebbe potuto chiuderla per segregarmi, ulteriormente) fosse una provocazione deliberata da parte sua, affinché potessi guardarla e ammirarla tenendo a mente ciò che mi attendeva tra un paio d'ore al massimo, e al contempo essere da lei controllato. Ad un certo punto decisi, lucidamente, di giocare un po', sul filo del rasoio, ed accesi, anche se a basso volume, lo stereo in camera, ben sapendo che avrebbe interferito con l'audio della tele e provocato certamente disturbo nell'ascolto. Stranamente per alcuni minuti non se ne accorse, finché la musica raggiunse un picco un po' più alto, e a quel punto la frittata fu fatta. Federica stavolta non si alzò, ma da dov'era seduta mi lanciò uno sguardo di fuoco: "Allora, vuoi spegnere lo stereo o devo venire io a fartelo spegnere?"
Rimasi immobile, e lei riprese: "Guai a te se non lo spegni immediatamente!"
"Va be', adesso lo spengo", risposi un po' distrattamente.
"Va be' adesso lo spengo?" mi fece il verso lei.
"Non rispondermi mai più in modo così impertinente!! Guarda che mi alzo e vado subito a prendere il battipanni!"
Mi mossi molto lentamente verso lo stereo, perché avevo capito che non mi avrebbe punito prima del tempo prestabilito, e si limitava semplicemente a minacciarmi. Ma rischiai grosso, perché lei si accorse che me ne stavo approfittando, e si alzò di scatto facendo la mossa di andare verso lo stanzino delle scope. A quel punto io accelerai e pigiai rapidamente l'interruttore spegnendo lo stereo, esclamando: "Spento, spento, ok, va bene!"
Federica si risedette, e mi minacciò col dito alzato: "Non rifarlo un'altra volta, perché le prendi!"
Per una mezz'ora me ne stetti tranquillo sul letto a leggere, ma poi mi venne sete e, non osando chiedere a Federica di portarmi un bicchier d'acqua, feci di peggio: contravvenendo ai suoi ordini, uscii dalla stanza per andare in cucina. Feci soltanto alcuni metri…
"Dove stai andando?" Urlò, alzandosi in piedi e spegnendo la televisione col telecomando. Cosa ti avevo detto? Che non dovevi muoverti da lì! Ora prendo il battipanni sul serio!", e si diresse nello sgabuzzino, mentre io me la filai rapidamente in camera, andandomi a nascondere dietro un armadio come un ragazzino colpevole. Spiavo il suo ritorno sporgendomi cautamente dallo spigolo, e la vidi sulla soglia della camera col battipanni in mano.
"Gulp, l'ha preso veramente, ora sono nei guai per davvero", pensai.
"Vieni fuori da lì immediatamente, so benissimo dove sei! Alla svelta, altrimenti vengo io e sarà peggio!" Uscii dal mio rifugio, decidendo di provare ad impietosirla, anche se precedentemente questa tattica non era servita a niente. Mi inginocchiai davanti a lei chiedendole di perdonarmi. Vedevo dal basso la sua gonna nera, la sua camicetta azzurra e il grande battipanni di vimini che teneva saldamente nella mano destra.
"Ricordati cosa ti aspetta prima di andare a letto: risparmia le lacrimucce per dopo, amore, che ne avrai da piangere!"
Detto ciò, se ne andò chiudendo dietro di sé la porta della camera e sparì. Da subito non capii le sue intenzioni, ma dopo alcuni minuti mi resi conto che si era riseduta sul divano e aveva acceso di nuovo la televisione.
Passò un'altra mezz'ora senza storia; dopodiché Federica aprì la porta della camera e, senza entrare, mi disse: "Comincia a metterti il pigiama, tesoro, che intanto io vado a prendere il battipanni."
E sparì di nuovo, mentre io ebbi l'ennesimo brivido della giornata. Cominciai a svestirmi e poi indossai con agitazione il mio pigiama, paventando l'arrivo di Federica entro pochi secondi. Il mio cuore batteva più forte e, ancora una volta, ebbi un'erezione, che sarebbe stata evidentissima dal momento che ora indossavo il pigiama. Ma i minuti trascorsero senza che Federica arrivasse. Me ne stavo seduto sul bordo del letto, come un condannato in attesa del giudizio, anzi della pena, e nel frattempo sentivo che Federica continuava a guardare la televisione, prolungando premeditatamente, sadicamente l'attesa. Quando fu passato un altro quarto d'ora mi prese sonno e mi infilai nel letto. Mi stavo per assopire, quando mi ridestai di colpo: la televisione era stata spenta, e la porta della camera leggermente riaperta. Sentii il rumore degli zoccoli che si allontanava; poi aprire, più lontano, un'altra porta; accendere una luce. Poi la luce fu spenta, la porta richiusa e il rumore degli zoccoli si riavvicinò: sussultai e rabbrividii. Cinque secondi dopo Federica entrò in camera col battipanni in mano, accese la luce dell'abatjour, spense la luce centrale e si sedette in fondo al letto, sul bordo. Accavallò le gambe, posò il battipanni e mi guardò dritto negli occhi:
"Amore, vieni fuori dal letto che adesso facciamo i conti."
Pronunciò questa frase con grande dolcezza ma con estrema severità, esattamente come aveva fatto nel pomeriggio la prima volta che mi aveva picchiato. Anche questa volta ubbidii come un agnellino, e uscito dalle coperte mi consegnai a Federica, distendendomi completamente sul letto e appoggiando la testa sul grembo di lei. La mia faccia era a contatto con il cotone della sua gonna nera, e sentivo le sue mani accarezzarmi i capelli.
"Allora, è vero che sei stato un cattivo bambino tutto il giorno? Lo sai che ti devo punire quando ti comporti così? Lo sai che i bimbi impertinenti prendono le sculacciate?"
Tacque per qualche istante, e intanto riprese in mano il battipanni che aveva appoggiato sul letto.
Con un filo di voce la implorai: "No, ti prego, sarò bravo, mi comporterò bene!".
Ma Federica alzò il battipanni: "Ne sono certa, dopo che ti avrò scaldato per bene il culetto… preparati, perché adesso te le suono di santa ragione…"
PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM!
Dicevo "ahi" a quasi tutti i colpi, e verso la fine della serie cominciai già a singhiozzare, poiché non ero alla prima sculacciata della giornata, e l'effetto refrigerante del bidè se n'era ormai bell'e che andato.
Federica posò il battipanni e riprese ad accarezzarmi la testa.
"Te l'avevo detto, amore mio, che cosa ti sarebbe successo… e adesso ti prendi il resto."
Riprese il battipanni, lo alzò e lo calò con decisione, più e più volte, sul mio fiammeggiante didietro (che fortunatamente non era stato denudato, ma il pigiama era così sottile che la protezione non era poi gran che).
PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM! PAM!
Ora piangevo sommessamente ma continuamente, in un singhiozzo quasi ininterrotto.
Federica continuò a battermi senza interruzione, ma la frequenza dei colpi diminuiva sempre di più, finché lasciò il battipanni e prese a sculacciarmi piano con la mano destra, dopo avermi spostato leggermente per adattarsi alla nuova posizione, proprio quella che raccontavo all'inizio di questa storia. Federica smise di sculacciarmi ed incominciò ad accarezzarmi dolcemente il sedere, dicendo: "Ora tutto è finito, amore mio, ti perdono."
Mi sollevò il viso perché la potessi guardare: aveva un grandissimo sorriso sulle labbra. Anch'io le sorrisi, lei mi attirò a sé appoggiandomi la testa sul suo seno e mi coccolò per un po'; poi, io sollevai la testa, la guardai negli occhi un istante e quindi le baciai la bocca. Eravamo felici, io e il mio infuocato culetto, e quella notte l'amore con Federica fu superbo.


ragazze cosa ne pensate???

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 51): 5.71 Commenti (2)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10